Grandi incassi per l’ultimo film di Carlo Verdone e Paola Cortellesi, di ben € 4.251.162 solo nel fine settimana dal 14 al 16 Febbraio; assicurandosi il primo posto nel Box Office Italia.

In Sotto una buona stella, le bravure dei due comici romani hanno trovato un’ottima sintonia tanto da non essere uno dei soliti film prodotti per prassi o per convenienza; potrebbe inoltre risultare un piacere per gli italiani che hanno trovato in questo film quella comicità pura e non noiosa. Carlo Verdone, regista e protagonista nel film, ha sempre cercato di sembrare quanto più reale possibile, nonostante si dovesse seguire un copione;  rispecchiando, in qualche scena, la vita di molti spettatori. Per far ciò, il regista ha cercato e trovato un’ottima partner, in grado, quasi, di tenergli testa: ne è risultato un duetto più che efficace.

Trama

Il film racconta la storia di un padre che si è separato dalla moglie quando i figli erano ancora piccoli. Nel corso degli anni, grazie ad una brillante carriera, non ha fatto mai mancare nulla alla famiglia, ma la sua assenza affettiva e fisica è stata imperdonabile. L’improvvisa morte della ex moglie, ed uno scandalo finanziario che lo riduce quasi in rovina, cambieranno drasticamente la vita di Federico. Non potendo più pagare l’affitto ai figli, è costretto ad ospitarli. Con l’aggiunta della nipotina mulatta che la figlia di Federico ha avuto da un ragazzo africano, poi sparito. Disordine, amici del figlio che entrano ed escono ad ogni ora del giorno, con la casa che si riempie di poeti metropolitani, trasforma quell’appartamento in un porto di mare. La convivenza si rivela comicamente tragica e la prima a rimetterci è la compagna di Carlo, Gemma, che mal sopportando l’irruenza dei ragazzi, nel giro di 48 ore se ne va. E dopo tre giorni è pure la domestica filippina a lasciarli al loro destino. L’arrivo nell’appartamento accanto della nuova inquilina, Luisa (Paola Cortellesi), simpatica, spiritosa e piena di buon senso, avrà, giorno dopo giorno, un effetto positivo nei rapporto tra padre e figli.

Per chi avesse già avuto l’opportunità di gustarlo al cinema, non sarà certo rimasto deluso da quello che il trailer preannunciava. Forse una trama povera o qualche comicità scontata non è quello che ci si aspetta e, per la bravura o per l’esperienza, non è quello che ci si ritrova a guardare. I fan di Verdone e della Cortellesi troveranno, sicuramente, un connubio eccellente tra il piacere di un film comico e quelle gag tipiche di sit-com che possono accadere a chiunque.