Grandioso debutto nel weekend negli Stati Uniti per Divergent, film tratto dall’omonimo best seller di Veronica Roth; con un incasso di 54 milioni di dollari, superando di molto tutte le nuove uscite. E’ il primo di una trilogia, sarà disponibile nelle sale italiane a partire dal 3 Aprile.

Dal trailer si può notare una vaga somiglianza ad Hunger Games ed è questo l’argomento di molte discussioni tra i fan di Suzanne Collins e i neofili; nonostante i numerosi e piccoli dettagli che rendono Divergent tutt’altra storia. La Trama è molto semplice, il trailer ce lo dimostra e probabilmente è questo il motivo di tanto successo.

TRAMA:

In un futuro distopico l’umanità riesce a vivere in serenità dividendosi in fazioni, ognuna basata su un valore: la sapienza per gli Eruditi, la generosità per gli Abneganti, il coraggio per gli Intrepidi, la sincerità per i Candidi e l’amicizia per i Pacifici. Beatrice Prior, appartenente agli Abneganti, all’alba dei suoi sedici anni è chiamata, come i suoi coetanei, a scegliere di quale fazione fare parte per il resto della sua vita. Ma la vita di Beatrice cambierà per sempre quando scoprirà di non appartenere a una fazione, ma di essere una Divergente. Questa sua divergenza la renderà pericolosa agli occhi di molti e mettendo in pericolo la sua stessa vita e per salvarsi Beatrice potrà contare solo su Quattro, il suo istruttore tra gli Intrepidi.

Divergent-movie-poster-6-Mindpress

L’interesse in una storia ambientata in una Chicago distopica e futuristica, la forza di volontà e il coraggio del protagonista nello scontrarsi contro le istituzioni imposte dalla società, il continuo susseguirsi di vicende che, in un modo o nell’altro, rispecchiano chi guarda il film sono stati i punti chiave che hanno permesso di ricevere tanto successo.

Negli USA, infatti, un’analisi ha riscontrato che la metà degli spettatori superava i 25 anni di età e il 41% del totale era costituito da uomini. Genere young adult, viene definito ed è quello che rispecchia. Una storia capace di rendere partecipi sia chi ha voglia di sognare, sia chi il sogno deve renderlo realtà. La bravura dell’autrice, in questo caso, nello sviluppare una serie di contenuti e argomenti è stata ricompensata; anche se c’è sempre bisogno di un film per far appassionare qualcuno ad una storia.